tel. +39 0541 705778
A.R.O.P. Onlus
x
Please install MailChimp plugin

Eventi

Mamme in relax – 10 maggio 2017
#-#-#-#-# 2extracted.pot (PACKAGE VERSION) #-#-#-#-# #-#-#-#-# 4extracted.pot (PACKAGE VERSION) #-#-#-#-# #-#-#-#-# 10extracted.pot (PACKAGE VERSION) #-#-#-#-# Rimini

L’IMPORTANZA DI PRENDERSI CURA DI SE’

In occasione della festa della mamma anche quest’anno la Sezione di Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale Infermi di Rimini, la cui responsabile è la Dr.ssa Roberta Pericoli, ha pensato di riproporre un evento dedicato alle mamme dei piccoli pazienti oncologici.

Grazie alla collaborazione, alla sensibilità e alla disponibilità di AROP e della Sig.ra Battani, mercoledì 10 maggio 2017 un gruppo di 20 mamme sarà ospite del Centro Benessere del Grand Hotel da Vinci di Cesenatico per una giornata interamente dedicata al relax e alla cura di sé.

A seguire nella spiaggia del Grand Hotel si terrà un piacevole pranzo, offerto da AROP onlus. L’iniziativa si inserisce all’interno del progetto attivato dalla dr.ssa Samanta Nucci nel 2015 “..Magie di Smemorina”, volto alla cura del corpo delle mamme dei piccoli pazienti oncologici.

“Mamme speciali” – racconta la Dr.ssa Nucci- “travolte dalla sofferenza per il proprio figlio, alle quali vorremmo offrire la possibilità di ritrovare la propria femminilità e identità, fortemente minacciate dalla malattia”. I genitori, e le mamme in particolare, tendono a trascurare se stesse durante il percorso della chemioterapia in quanto dedicati alla cura del figlio malato. Il trascurare se stessi può costituirsi come atteggiamento punitivo per non essere riusciti a proteggere il proprio figlio dalla malattia oppure come strategia espiatoria (“Se mi annullo io, magari mio figlio riceverà una grazia”). Per un genitore prendersi cura di sè può significare inoltre togliere tempo al proprio figlio.

D’altro canto il bambino può vivere questa trascuratezza in modo non positivo: i cambiamenti della mamma “Mia mamma è diventata brutta, non si trucca più…” possono costituire una minaccia, possono alimentare le preoccupazioni del bambino nei confronti del proprio stato di salute, possono alimentare fantasie negative sulla propria condizione “Se nessuno fa più nulla come prima, allora sono proprio grave..?”.

Obiettivo di questa giornata e del progetto “…Magie di Smemorina” è il raggiungimento della guarigione totale dalla malattia in termini di benessere psicofisico non solo del paziente ma dell’intero nucleo familiare che lo circonda e lo affianca durante tutto il percorso.

Comments

Comments are closed.