tel. +39 0541 705778
A.R.O.P. Onlus
x
Please install MailChimp plugin

Gita a Gropparello - 8 giugno 2017 - A.R.O.P. Onlus

 

Visita a Gropparello. Oh che bel castello!.

 

Il castello di Gropparello che risale all’ ottavo secolo si trova su un picco di straordinaria bellezza, con una pianta irregolare per l’asperità del terreno e rappresenta un esempio dell’arte della fortificazione medievale.

Il castello di Gropparello è un luogo magico dove i bambini diventano grandi e i grandi tornano bambini, la giusta meta per Visita a Gropparello. Oh che bel castello!. un’uscita tutti insieme, bambini, genitori, personale sanitario e maestre volontarie. Un ambiente che avvolge tutto e tutti nel fantastico per essere proiettati In una dimensione dove realtà è fantasia si fondono per dare vita ad un vissuto speciale .

Ci andremo l’otto giugno, e il viaggio sarà già un avventura. Si partirà al mattino presto, circa alle sei, in pullman e il viaggio proseguirà per più di tre ore , per poter raggiungere il castello entro le 10.30 e dare così iniziò alla nostra giornata. Qui faremo passi indietro nel tempo per entrare nel mondo della storia per i nostri bambini più grandi e della fiaba per i più piccoli. Infatti incontreremo personaggi del Medioevo, fatto di cavalieri e dame, ma anche fiabeschi come maghi, fate e streghe e non mancherà neppure l’Orco!

Ma perche’ arrivare fino a Gropparello, vi chiederete, con i nostri bambini del reparto di oncologia pediatrica; non sara’ eccessivo lo stress e non sarebbe stato preferibile trovare alternative analoghe qui nelle nostre colline punteggiate di rocche e castelli ? Sono domande che ci siamo fatti anche noi, in Arop sono state infatti sviscerate, con discussioni e approfondimenti, considerato che ci siamo assunti la responsablita ’ di organizzare e finanziare l’iniziativa. La risposta l’abbiamo trovata nella proposta educativa che arriva dal programma del castello , primo parco emotivo in Italia e che si prefigge, parole testuali, “di far raggiungere al bambino un buon equilibrio, di farlo socializzare, di favorirne la creatività, l’autostima e l’autonomia, di spingerlo a credere in quello che sogna e di fargli superare le paure e farlo divertire moltissimo “.

Questo è proprio ciò che serve ai bambini che stanno affrontando la malattia oncologica e le pesanti terapie, anche dolorose che si rendono necessarie e che stanno vivendo questa fase della loro vita come interruzione del quotidiano vissuto fino al momento della diagnosi e come separazione dagli amici con cui solo raramente possono condividere esperienze di gioco e divertimento.

La magica giornata invece, che i bambini, vestiti da cavalieri e accompagnati dal Cavaliere Bianco, potranno vivere nel Parco delle Fiabe, dove incontreranno le Fate, i Folletti, gli Elfi, i Druidi , sarà una fantastica ed entusiasmante avventura e combattendo contro orchi e streghe, potranno divertirsi moltissimo e, almeno per quella giornata , potranno voltare le spalle alle difficoltà e ritrovare forza e positività.

Regalaremo così una giornata unica , indimenticabile, di gioco e divertimento tra i bambini, i loro genitori, il personale sanitario e le maestre volontarie: un vero toccasana per proseguire verso la guarigione.

 

CHIUDI
CLOSE